This site uses cookies. Cookies are used to guide the user and web analytics and help to make this site better and more user friendly. See more: Privacy
OK

15.10.2013

Miglior resa con la sega a nastro a taglio sottile DSB Singlehead 660

Da agosto JOSAO, produttore cinese di sci, snowboard e sci di fondo con sede a Guangzhou, utilizza per il taglio dei nuclei legnosi una sega a nastro a taglio sottile WINTERSTEIGER DSB Singlehead 660.


Finora venivano impiegate seghe a nastro standard. John Missey, ingegnere di processo capo, motiva così la scelta della sega a nastro a taglio sottile WINTERSTEIGER: «Per noi è stato determinante il notevole risparmio di legno. La macchina WINTERSTEIGER ci consente di ottenere una o due lamelle in più dai nostri blocchi standard, formati di solito da una miscela laminata di pioppo tremolo, bambù e acero.»

 

Un ulteriore punto a favore di tale decisione è stato il livello di notorietà di WINTERSTEIGER in ambito sportivo. Durante la ricerca di una soluzione per il taglio sottile, John Missey si è imbattuto nel marchio WINTERSTEIGER, che conosceva grazie alla sua esperienza pluridecennale nel settore delle macchine per lo ski service a Seattle, negli Stati Uniti.

 

La buona reputazione di tali macchine non lo ha deluso. Anche per le seghe a nastro a taglio sottile John Missey dà a WINTERSTEIGER il massimo dei voti: «Finora ha funzionato tutto alla perfezione e apprezziamo moltissimo la professionalità in fase di consulenza e di assistenza ai clienti.» Per questo motivo, Missey pensa già a ulteriori ampliamenti.

 

JOSAO fa parte del gruppo Jarden, una società Fortune 500 con un fatturato di circa 7 miliardi di dollari. Nel 2007 il gruppo ha acquisito il produttore di articoli sportivi K2, per il quale dal 1998 JOSAO produce nello stabilimento di Guangzhou articoli per gli sport invernali per marchi come K2, Völkl, Ride e Morrow. Con i suoi 11.000 dipendenti, JOSAO produce sci alpini, snowboard, sci di fondo e scarponi da sci. La maggior parte dei prodotti viene esportata in Europa e Nordamerica, mentre solo il 10% circa rimane in Asia. Per il 2013 è prevista la produzione di circa 500.000 paia di sci, 200.000 snowboard e 90.000 paia di sci di fondo.